Spese di intermediazione immobiliare: limiti e modalità per una corretta detrazione

Non è ancora tempo di dichiarazioni dei redditi, ma giova comunque ricordare fin d’ora che l’Agenzia delle Entrate ha più volte fatto il punto sulle modalità che tutti i contribuenti potrebbero adottare per poter condurre in detrazione Irpef le spese di intermediazione immobiliare che sono state sostenute nel corso di un esercizio di imposta per favorire l’acquisto di una prima abitazione di proprietà. Continue reading Spese di intermediazione immobiliare: limiti e modalità per una corretta detrazione

Report immobiliare bologna - OMI II trimestre 2017

Immobiliare residenziale, Bologna unica grande città con compravendite in contrazione

Stando a quanto suggeriscono i dati dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, nel corso del II trimestre 2017 le compravendite di immobili residenziali sarebbero cresciuti del 3,8% su base annua in media nazionale, e del 4,4% su base annua nelle otto principali città italiane per popolazione. Continue reading Immobiliare residenziale, Bologna unica grande città con compravendite in contrazione

deposito prezzo notaio

Deposito del prezzo al notaio, ecco come funziona

La recente Legge sulla Concorrenza ha apportato alcune novità piuttosto importanti sul comparto immobiliare, prevedendo nuove regole sulle compravendite.

Nel dettaglio, l’intervento del legislatore ha introdotto il principio del “Deposito del prezzo al notaio“, sulla base del quale l’acquirente potrà richiedere al notaio di trattenere presso un proprio conto dedicato la cifra che lo stesso compratore verserà per l’operazione, da “trasferire” la venditore solamente al momento della trascrizione del trasferimento dell’immobile quando – cioè – la compravendita diventa definitiva a tutti gli effetti. Continue reading Deposito del prezzo al notaio, ecco come funziona

Mercato immobiliare, ecco lo stock degli italiani al 2016

L’Osservatorio del mercato immobiliare ha pubblicato i dati relativi al Catasto edilizio urbano al 2016. Un interessante dossier (gratuitamente disponibile, in versione integrale, sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate), dal quale emerge come lo stock immobiliare censito negli archivi consista in 74,3 milioni di immobili o loro porzioni, di cui 64,5 milioni censiti nelle categorie catastali ordinarie e speciali (con attribuzione di rendita) e più di 3 milioni censiti nelle categorie catastali del gruppo F, che rappresentano unità non idonee (temporaneamente o in via definitiva) a produrre un reddito (si pensi ai riduri, o ai lastrici solari). Ulteriormente, oltre 6 milioni sono beni comuni non censibili, ovvero di proprietà comune e non in grado di produrre reddito, mentre poco più di 100 immobili sono unità ancora in lavorazione. Continue reading Mercato immobiliare, ecco lo stock degli italiani al 2016

Compravendite immobiliari, a Bologna cresce ma andamento sotto la media nazionale

Continuano a crescere le operazioni di compravendita immobiliare a Bologna (+ 4,4% a/a nel primo trimestre 2017), ma il trend della città è inferiore alla media nazionale (+ 8,6% a/a) e a quanto avviene nelle sole otto principali città tricolori per popolazione (+ 9,9% a/a): è ciò che afferma l’Osservatorio sul mercato immobiliare italiano nel bollettino appena pubblicato, relativo ai primi tre mesi del nuovo anno. Continue reading Compravendite immobiliari, a Bologna cresce ma andamento sotto la media nazionale

Mutui casa, spread ai minimi (ma il rialzo è dietro l’angolo)

Mutui Casa: secondo quanto afferma l’ultima edizione del Barometro Mutui Crif, il primo trimestre 2017 si è chiuso con una consolidata tendenza da parte delle banche italiane: quella di preferire il contenimento degli spread applicati sui tassi fissi e sui tassi variabili ai propri mutui, favorendo in tal modo una maggiore convenienza nelle operazioni di indebitamento. La situazione, tuttavia, potrebbe cambiare molto presto. Continue reading Mutui casa, spread ai minimi (ma il rialzo è dietro l’angolo)

Mercato immobiliare, boom di vendite a Bologna e provincia

Stando alle ultime rilevazioni effettuate sulla base dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, il mercato immobiliare tricolore starebbe continuando a crescere a tassi positivi, e lo avrebbe fatto con insistenza anche nel corso degli ultimi tre mesi del 2016, quando la variazione tendenziale del totale delle compravendite è stata pari al 16,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

mercato immobiliare bologna in crescita

Un 2016 da ricordare

Continue reading Mercato immobiliare, boom di vendite a Bologna e provincia

Perché si ritira l’incarico a vendere all’agente immobiliare?

Negli scorsi giorni Banca d’Italia ha diffuso la sua ultima rilevazione relativa al sondaggio congiunturale sullo stato di salute del mercato immobiliare delle abitazioni in Italia. Un ricco dossier di numeri e di statistiche, dal quale è altresì possibile elaborare una risposta alla domanda che abbiamo reso protagonista del nostro odierno approfondimento. Ovvero: perché si ritira l’incarico a vendere all’agente immobiliare?

sondaggio immobiliare italia

Le cause prevalenti di cessazione

Continue reading Perché si ritira l’incarico a vendere all’agente immobiliare?

Condizioni abitative: sono i giovani a pagare il peggior prezzo

Non è certamente una novità, né una sorpresa: sono i giovani italiani a pagare il prezzo più caro in termini di benessere economico e abitativo. A ribadirlo ancora una volta, aggiungendo alcuni utili spunti valutativi, è il report BES 2016 da parte dell’Istat, secondo cui le condizioni abitative degli italiani sarebbero mediamente tra le peggiori dell’Unione Europea allargata a 28 Paesi membri, con una particolare incidenza per i giovani adulti.

disagio abitativo giovani

Bassa qualità dell’abitazione

Continue reading Condizioni abitative: sono i giovani a pagare il peggior prezzo